16.1.12

Recensione: "Wolf Creek"

Risultati immagini per wolf creek movie poster


PRESENTI SPOILER
Incredibile, non si fa a tempo di parlare di horror australiano (con Primal) che Rai Movie mi mette in programmazione 2 giorni dopo questo ottimo, quasi grandissimo, Wolf Creek. Ed è altrettanto incredibile come per 5 lunghi anni non l'avessi mai visto malgrado l'abbia sempre avuto in dvd e sentito sulla bocca di tanti.
Bello, davvero bello.
Film sobrio ed essenziale come il paesaggio in cui è ambientato, lo sterminato e cinematograficamente magnifico bush australiano.
Niente di nuovo nel plot, anzi, trama piuttosto banalotta. Tre amici partono per il solito viaggio all'insegna dell'avventura, la macchina gli si ferma, vengono aiutati da un finto buon samaritano che si rivela essere invece un killer bla bla bla bla.
Quello che fa grande Wolf Creek è la qualità dell'insieme, davvero notevolissima.
Ad una prima parte standard incentrata sui vari cazzeggi dei giovini, fa seguito l'arrivo allo straordinario cratere di Wolf Creek (in realtà Wolfe dal nome dello scopritore, i lupi non c'entrano niente). Si inizia a respirare un pò di fatalismo nell'aria, l'atmosfera si fa sempre più densa. E ad una brevissima cornice che flirta un pò col paranormale (lo stop agli orologi e all'automobile), fa seguito l'arrivo del mitico Mick.

Risultati immagini per wolf creek movie

Comincia con lui un altro film, una mezz'ora pazzesca per ritmo e qualità (anche qualche errorino ma ci sta), tra le migliori mezz'ore nel genere survival degli ultimi anni.
Mick è un personaggio davvero straordinario perchè fisicamente e caratterialmente normale. Nessun uomo deforme, nessun pazzo (a almeno non all'apparenza), niente case degli orrori et similia. Mick è strano, quello sì, le sue battutine e doppi sensi accanto al fuoco mettono i brividi. Il modo poi in cui si mette a fissare il ragazzo è davvero inquietante. Però i ragazzi si fidano. La mattina del giorno dopo capiranno, loro malgrado, con chi avevano a che fare...
In Wolf Creek c'è un uso delle location favoloso, la discarica in cui si ambienta buona parte del massacro ad esempio è eccezionale, un luogo quasi alla videogame, pieno di posti ed anfratti, finestre, macchine ferme e casupole. Suggestive anche le immense praterie degli esterni e il burrone. In questo aspetto aiuta molto una splendida fotografia.
La regia, a mio parere, dà il meglio di sè nella fantastica scena in soggettiva dalla finestra, girata (e interpretata) davvero magistralmente. Anche il livello della violenza è davvero notevole, terribile a questo proposito "la testa sullo stecco", una scena che oltrepassa il genere del torture per andare in una dimensione più "intima" ed emotivamente devastante, una di quelle scene cioè in cui la pena per il protagonista e l'empatia con lo stesso raggiunge climax altissimi.

Risultati immagini per wolf creek film

Ma è altrove il capolavoro di Wolf Creek. Non so se abbia già visto questa "tecnica" in precedenza ma ho trovato assolutamente geniale il fatto di farci credere ogni volta che il/la protagonista principale fosse uno per poi smentirci poco dopo. E' evidente sin da subito come la protagonista assoluta, la cosiddetta final girl, sia Liz. Ebbene, sarà la prima a morire. E quando gli "subentra" Kristy, lo spettatore è tutto con lei, sicuro che sia il suo lo scontro definitivo con il pazzo assassino. Ecco invece che c'è la seconda sorpresa, anche Kristy esce di scena e dal dimenticatoio torna fuori  Ben, che da comprimario diventa personaggio principale, tra l'altro in un finale che non mi aspettavo affatto.
Una chicca di sceneggiatura in un horror davvero notevole.
Tra l'altro, bravissimi gli attori, anni luce sopra la media del genere.
Chapeau!

(voto 7,5)

20 commenti:

  1. Anche a me è piaciuto molto, senza contare che l'ambientazione australiana è in linea con i miei gusti ed i ricordi per il viaggio "down under".
    Tra Picnic ad Hanging Rock e Non aprite quella porta: mitico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitico davvero...
      Sei stato da quelle parti?

      Elimina
  2. davvero bellissimo, a sorpresa.
    avevo scritto: "Inizi a vederlo così, un filmetto come tanti, poi capisci perchè è un grande film, una discesa all'inferno, senza consolazione. Duro, forte, non lascia indifferenti, stai anche male, ma continui a guardarlo, fino alla fine. Miracolo del cinema che vale. Lo si recuperi, non ve ne pentirete."

    curioso che nel tuo pezzo non metti il nome del regista:)

    l'ho visto qualche mese dopo "Calvaire", di Fabrice de Welz, hanno un'atmosfera in comune, grandissimo anche questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta analisi. Sulle stare male hai ragione, è quello che con una perifrasi lunga e laboriosa ho provato a dire riguardo la testa sullo stecco.
      Calvaire gioiello. Sì, l'ambiente rurale, la pazzia, un certo senso di irrealtà, qualcosa c'è senz'altro. Anche se nel film belga la sceneggiatura era senz'altro più curata ed originale.

      Elimina
  3. ho ricordi un po' vaghi di wolf creek... lo ricordo uguale a tanti altri ma meglio di tanti altri :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, definizione che ci sta. Manca solo il "molto" tra il "ma" e il "meglio". :)

      Elimina
  4. L'entroterra australiano è il posto ideale perché l'insondabile e l'inesprimibile abbiano luogo, per concretizzarsi nella potenza dell'urlo, capace di trarre alimento da abissi di disperazione per vomitare la propria furia sulla natura circostante, annientando qualunque forma di vita.

    Mi fa piacere leggere una tua recensiona positiva su una pellicola a cui tengo tanto come questa! ciao Dae :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wayne, tutte tue ste frasi?
      E una recensioncina quando la scriviamo?
      Dai, te le pubblico qua, di che hai paura?

      Elimina
    2. questa l'avevo preso da qualche parte. Grazie per l'incitamento ma non sono tagliato per avere un blog tutto mio ;)

      Elimina
    3. Ma non ho detto questo Wayne ho detto questo: http://ilbuioinsala.blogspot.com/2011/06/comunicazioni-deficienti-di-servizio.html

      :)

      Elimina
    4. Ti ringrazio per la proposta, magari proverò a buttare giu qualcosa. Ho fatto un paio di recensioni per asianword (ho un account anche li) ma mi hanno portato via troppo tempo.

      Elimina
    5. Eh, perchè sarai un perfezionista...
      Sparale come vengono, non preoccuparti! :)

      Elimina
  5. Signor "Il buio in sala" sappia che questo è uno tra i miei film preferiti e se ne parlavi male ti spammavo commenti a raffica! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signor "direzione errata", sono contento di averla soddisfatta. :)

      Elimina
    2. ahahah, Eddy sei troppo forte!

      Elimina
  6. gran film: di grande potenze visiva e poi... che paesaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinari, per quelli il merito è di Madre Natura.
      E di un meteorite :)

      Elimina
  7. Straordinario e, soprattutto, perfido. Si porta dietro un carico di cattiveria e disagio che neanche il torture porn più estremo potrà mai ricreare.
    Bravissimo, come sempre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In 2 righe non potevi descriverlo meglio:)
      Lucia, ma se ti mando un PM su FS tu li vedi?

      Elimina
    2. Oddio, non vado quasi più su FS a causa dell' irritazione che mi suscitano alcuni personaggi sul forum, ma se mi mandi un pm ci vado apposta per leggerlo ;)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao