29.9.11

Recensione: "Coverboy"

Immagine correlata

La sensazione che ho provato a fine visione è stata quella di aver visto un film intelligente, profondamente intelligente. E genuino, vero, umile. Ci voleva poco per renderlo eccessivo, fastidioso, morettiano, ma il regista Amoroso è riuscito invece con sobrietà e intelligenza a raccontare una piccola storia e al contempo lanciare (se mai ce ne fosse il bisogno) un grido d'allarme, un terribile grido d'allarme che le ultime generazioni (e non solo loro) stanno vivendo, il terrore di non avere un futuro.
Ioan è un ragazzo rumeno che quasi per caso si ritrova da solo in Italia. Conosce Michele, un precario addetto alle pulizie. Si instaura una profonda amicizia sull'orlo della disperazione. Fino a quando Ioan non si ritrova a fare il modello...
Amoroso parte da immagini d'archivio sulla fine del Comunismo nell' Europa dell' Est. Ioan vede assassianre suo padre poco prima della definitiva caduta di Ceausescu. Molti anni dopo, ormai ventenne, un suo amico lo porta in Italia per guadagnare soldi facilmente. 

Risultati immagini per cover boy film

L'amico viene fermato sul treno dalla polizia, Ioan rimane solo.
Ben presto si rende conto che la differenza tra i giovani romeni e i giovani romani (italiani) è minima. Il paese di Bengodi, coem letteratura vuole, è solo un'illusione, portare il pane a casa è durissima per tutti. Amoroso racconta con molto tatto l'amicizia tra i due ragazzi, l'atmosfera che pervade il film è di profonda verità, al limite del documentario. Ottimi i due attori, specialmente Luca Lionello, talmente bravo da superare in alcuni casi il confine tra la recitazione e la naturalezza. La fotografia non aiuta -troppi i cambi di luce se non quelli addirittura di grana- ma la regia non ne risente troppo. Come definizione vuole, il film rappresenta benissimo cosa voglia dir precario. Ci sono momenti in cui lavora solo uno dei due, altri in cui lavorano entrambi, altri ancora in cui sono ambedue disoccupati, tutto in pochi giorni. Si arriva al paradosso di sognare di aprire un locale in Romania, al completo ribaltamento della situazione iniziale . A questo proposito molto incisiva la scena in cui Michele si finge extracomunitario, incisiva perchè dimostra benissimo senza neanche apparire tanto forzata cosa vuol dire mettersi nei panni l'uno dell'altro. Amoroso vuole raccontare una storia, la narrazione è la prima istanza che lo muove. Lo fa in maniera un pò discontinua (troppo lunghe e reiterate le sequenza dell'alta moda ad esempio) e alcune volte un pò troppo ad effetto (i nudi integrali maschili non una, non due, ma tre, quattro volte atte soprattutto a conferire in Michele una latenza omosessuale forse inutile alla fine dei conti. O forse no...) ma riesce in maniera magari un pò grezza a dire tutto quello che voleva dire. Tra l'altro crea una scena madre fantastica, quella del manifesto pubblicitario. Senza bisogno di un minimo dialogo rappresenta al meglio in una sola immagine cosa sia la speculazione sul dolore, il definitivo crollo di qualsiasi minimo valore. Quel "dovresti vergognarti" che Ioan riserva alla fotografa è in questo caso perfetto perchè in completa "simbiosi" con tutta la sua vita. Il rifiuto di trarre profitto da una tragedia che l'ha colpito così profondamente (specialmente negli affetti) è quasi dovuto. Meglio avere la dignità di trovarsi difficilmente da mangiare che affogarsi ipocritamente nella Milano da bere.
Il finale, se da un lato risulta un tantino forzato (proprio lo stesso giorno? E quella telefonata sarebbe stata così importante? ), dall'altro è costruito in maniera esemplare perchè riesce a cambiar scenario almeno tre volte in 5 minuti.
Forse, affinchè Cover Boy risulti più incisivo, affinchè quel grido d'allarme sia urlato ancora più forte, non è altro che un finale necessario.

( voto 7 )

17 commenti:

  1. mmmh interessante...vedrò di trovarlo :)

    RispondiElimina
  2. Credo ne valga la pena Arwen...
    Fammi sapere!

    RispondiElimina
  3. visto qualche anno fa, è un gran bel film!

    peccato l'abbiamo visto in pochi

    speriamo chi passa da qui sia più che curioso e cerchi questo film.

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Ismaele.
    Purtroppo non c'è un gran passaggio, neanche nelle ora di punta :)

    Te l'hai commentato?

    RispondiElimina
  5. http://markx.splinder.com/post/21161927/cover-boy-carmine-amoroso

    col mio stile telegrafico-aforistico, come sempre:)

    RispondiElimina
  6. Azz, qui mi sta venendo un dubbio atroce...
    E' già la seconda ragazza a cui il film stuzzica.
    Non è che la copertina e l'aver parlato di nudi integrali maschili c'entra qualcosa? :)
    E... ciao Barbara! mi sembra che è la prima volta che ci "sentiamo".

    Ismaele, è vero, non ricordavo lì per lì il tuo stile.
    Credo che il tuo sia comunque un blog meritorio perchè per tanti lettori avere una rassegna stampa già assemblata è davvero comodo.
    Personalmente leggo recensioni altrui, piccole o grandi che siano, solo dopo aver postato la mia, quindi se noti un film già passato da te e hai voglia di linkare fallo come oggi.
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. le copertine di nudi integrali maschili c'entrano sempre! ma solo perchè finalmente non si vede sgocciolare sangue da nessuna parte.

    almeno apparentemente...

    :-)

    RispondiElimina
  8. Beh, la prossima volta recensisco un film gay. Se serve ad avere tutte ste ragazze a commentare ne vale la pena...

    Dai Ciku, che son già 3 film (compreso quello di oggi) che sono tornato in carreggiata.

    Ti consiglio soprattutto il terz'ultimo...

    RispondiElimina
  9. sì ma quando recensisci un film poi alla fine scrivi, per favore: ciku, non andare a cercarlo in wiki. NON CI ANDARE!!! PERICOLO DI MORTE!

    :-(

    RispondiElimina
  10. Ciku, mi vuoi dire che oltre non esserti fatta bastare la mia rece, oltre essere andata su wiki, oltre invece che altre informazioni (tipo critiche e simili) esserti messa a leggere la trama, oltre tutto sei risucita a leggere anche il finale????

    Manco a dire che fossero solo 3 righe e l'occhio ci poteva finire anche per sbaglio....

    Se te le cerchi non c'è nessun buon dae-soo che ti può salvare.

    RispondiElimina
  11. e diavolo! la tua recensione m'aveva incuriosito.
    e poi mi son fatta prendere dalla trama...

    ma lo guarderò! umm.

    RispondiElimina
  12. la differenza tra i giovani romeni e i giovani romani è minima? il regista dovrebbe farsi dei giretti a Roma e vedere come si scannano nella realtà...si si, ho capito che si riferisce al lato interiore. Un film che contiene un forte messaggio pacifista. Grazie, non lo conoscevo.

    RispondiElimina
  13. Wayne, non mi riferivo al lato "interiore" ma mi sono comunque espresso male.
    Intendevo dire non tanto che i giovani italiani (romani era per fare la battuta/contrapposizione con rumeni) sono simili ai giovani romeni ma che questi ultimi vengono da noi aspettandosi di trovare l'Eldorado per poi scoprire che anche molti di noi sono in condizioni critiche, precari o disoccupati, COME (e qui stava la similitudine) lo sono quasi sempre stati loro nel nostro paese.
    Guardalo il film, poi mi dici. Ciao!

    RispondiElimina
  14. capito, grazie per la spiegazione. Ora è tutto chiaro :)

    RispondiElimina
  15. Film onesto su immigrazione e disoccupazione giovanile nostrana. Ben costruito e ben girato. Non era facile non cadere nel melenso o nel già visto. Riesce anche a metterci l'elemento storico della fine del comunismo nei paesi dell'Est con la cadura di Ceausescu e l'elemento, mai scontato, dell'amore omosessuale tra i due ragazzi appena accennato. Veramente tutto liscio come l'olio. L'ho visto appena uscito e penso che sia stato distribuito malissimo e in pochissimi l'abbiano visto...

    RispondiElimina
  16. Perfetto Shake, in poche righe hai detto tutto.

    Un saluto!

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao