8.12.16

Recensione: "The Presence" (Die Prasenz)

Risultati immagini per DIE PRASENZ

Found Footage inaspettatamente molto migliore del previsto.
Copia qua, copia là, ma fa assolutamente benissimo quello che si prefigge.
Visto per dimenticare un hamburger.

Dovete sapere che quasi tutte le nostre necessità non sono in realtà tali (ovvero necessarie) ma solo stimoli irrefrenabili che arrivano dal cervello.
Mi spiego meglio.
Ieri dalla 10 della sera in poi m'è venuta una fame boia.
In casa non avevo un cazzo, farmi uno spaghetto aglio e oio non mi allettava.
Come se non bastasse il mi fratello me manda dal locale (Il Supernova) la foto del loro fenomenale Hamburger.

Risultati immagini per DIE PRASENZ

Il locale è a 20 minuti, è tarda serata (all'arrivo della foto erano le 23 passate) e io non trovo compagnia per andare. Quindi rinuncio. Ma ormai alla fame si è aggiunta quella foto e io rischio la sanità mentale.
Mentale, già.

Perchè l'unico modo per placare queste pulsioni, a parte appagarle (e io non potevo), è sostituirle.
Trovare un altro bisogno, questo sì possibile e fattibile, che in qualche modo mandi l'altro, quello impossibile, in qualche oscura segreta del cervello.
Così mi sono buttato su Netflix in cerca di un horror. Così, al posto dell'hamburger.
E concentrandomi su quella nuova cosa la fame è del tutto sparita, a dimostrazione che quasi tutti gli accadimenti e i problemi della nostra vita sono generati da quel pericoloso criminale che è il cervello.
Mi sarebbe bastato qualsiasi cosa, anche un horror bruttissimo.
E le nemmeno due stelle netflixiane promettevano bene in tal senso.

Risultati immagini per die prasenz daniele grieco

E invece no, e invece l'horror era pure buono. Talmente buono che, mortacci sua, l'averlo visto fino alle due di notte, da solo, al buio, nel letto, mi ha anche creato quella situazione per cui, inutile dirlo, pregavo incessantemente che nella casa non si verificasse alcun rumore.
Anche minimo.
Die Prasenz è un horror TEDESCO scritto, girato e montato (mi pare) da un regista che di tedesco, al massimo, ha solo il luogo in cui vive, Daniele Grieco.
Tremendamente derivativo, tremendamente.
E' un found footage.
E si sa, quando si parla di found footage o di mock spessissimo si citano Blair Witch Project e Paranormal Activity.
Beh, si citano sempre ma raramente troverete un film come questo che è veramente la perfetta unione dei due.
Le immagini notturne e statiche del primo e quelle mosse e concitate nel bosco dell'altro.
Tre amici. 
Uno sta facendo una tesina sui fenomeni paranormali e sulle leggende del folklore europeo.
E allora porta la ragazza ed un amico in un castello sperduto di cui conosce il custode. Una decina di giorni da passare in questo castello dove è avvenuto il classico efferato omicidio e dove si racconta ci siano fantasmi ancora più datati. Insomma, la struttura di Shining, fantasmi che poi portano alla pazzia gente normale che poi ammazza chi gli sta intorno.
Ovviamente, essendo una tesina, va filmato tutto.
Cioè, ovviamente un par de palle, ma o accettiamo la cosa o crolla il film.
Grande location. Il castello con tanto di sotterranei e soffitta, un grande bosco intorno, il lago.
In Die Prasenz (o The Presence o La Presenza) non troverete veramente niente di nuovo.
Però, caspita, sarà stata la notte e l'atmosfera, sarà stato il tentativo del cervello di immedesimarmi per dimenticare l'hamburger ma, devo ammetterlo, con me il film ha funzionato alla grande.
L'inquadratura fissa notturna (tornerà una decina di volte) è davvero suggestiva e ogni volta, in un prevedibile ma riuscito climax ascendente, porterà a fenomeni sempre più inquietanti.
Gli attori se la cavano, il pretesto della storia è comunque più credibile della media (bassissima) del genere, e le scene forti davvero non mancano.
C'è veramente poco da dire, questo è il classico ghost movie di rumori, fenomeni inspiegabili e gente che piano piano impazzisce. Molto importante la scena dove lei dà veramente di matto per andar via perchè è veramente assurdo che i tre vogliano restare là e almeno una scena dove qualcuno ha una reazione normale è decisiva.
Ma niente, il suo ragazzo sta a fa la tesina e ormai la tesina si sta trasformando in un documento senza precedenti...

Risultati immagini per die prasenz daniele grieco

Ho trovato davvero apprezzabile la scelta di Grieco di farci stare almeno un'ora convinti di scorgere qualche fantasma o presenza inquietante senza poi mostrarcene mai una (o forse sì, non ve lo dico).
Tutto è pura atmosfera o strani accadimenti. La scelta del found footage di dimostra azzeccata almeno per un particolare. Il castello non ha corrente elettrica e quindi per molte ore i ragazzi sono al buio. E girare di notte con una telecamerina è sempre molto funzionale. Certo, lo sarebbe anche in un film classico ma solo il P.D.V dà quella repentinità di movimenti che rende la cosa ancora più spaventosa.
Troverete moltissime scene riuscite (penso alla prima porta che si apre, a quella sbattuta velocemente nel bagno, a quella, notevole, della mise en abyme del pc dentro al pc dentro al pc, a lei che fai quei movimenti velocissimi al letto) e un grandissimo ed inquietante sonoro.
Il film verso la fine si farà un pò confuso, capire chi sia posseduto e chi no non sarà facile ma alla fine poco importa, l'intreccio è quasi inesistente.
Niente di nuovo ragazzi ma se avete fame e se è notte fonda questo è un filmetto che il suo dovere lo fa benissimo

6.5

16 commenti:

  1. Ah me pareva... Mi stavo chiedendo quanto fossi affamato per apprezzare the presence: al 50esimo minuto di nulla parte dialoghi imbarazzanti montaggio casuale lentezza esasperante cessi in cui appena entri qualcuno bussa e tu invece di dire occupato scappi spaventato........ Ho fatto che leggere un pezzo di recensione e capito che non si tratta dello stesso film.
    Ghgh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooooo
      ma dai! c'avevi il nome del regista, c'avevi il titolo originale tedesco bello grande, c'avevi anche, volendo, l'informazione riguardo Netflix e mi guardi il primo The Presence che capita?

      oh, magari questo è pure peggio eh ;)

      Elimina
    2. Ehm... c'avevo fame pur io? )

      Elimina
    3. Secondo me anche più de me ce n'avevi

      Elimina
  2. Grazie per la dritta, l'ho intravisto sere fa su Netflix, ma non sapevo se fosse una scemenza o meno. Lo guarderò allora. :-D

    A proposito di Netflix, hai visto la serie Black Mirror?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te sei matta... ;)

      il film potrebbe non piacerti affatto o irritarti eh

      dico solo che per un appassionato a me è parso un prodotto che riesce abbastanza bene a fare il suo e comunque migliore della pessima media del genere
      lo so, sto mettendo le mani avanti, ma è doveroso..

      adoro black Mirror, la recensione delle prime due stagioni credo sia la più lunga ed articolata nella storia del blog

      ma proprio perchè lo adoro sto rimandando tantissimo la visione della terza stagione

      aspetto il momento migliore ;)

      Elimina
  3. La terza stagione è la migliore ;-)

    Allora, ieri sera, sul tardi, io e mio marito abbiamo iniziato a vedere Die Presenz. Beh, a un certo punto abbiamo spento, ma non perché non ci piacesse, ma perché ci stava mettendo troppa paura e temevamo di non dormire. Ho pensato: metti che poi stanotte io senta dei rumori... sai com'è, la suggestione ecc..

    Lo riprenderemo un'altra sera comunque. Concordo con la tua recensione, almeno fin dove l'ho visto (sono arrivata a quando sentono i botti e salgono in soffitta): pur essendo modellato sul genere di TBWP e di Paranormal Activity riesce ad avere una sua originalità per quanto riguarda le atmosfere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo, addirittura la migliore?

      Oh, son contento di questa mezza piccola conferma.

      Tu pensa io, da solo, alle due di notte al buio.
      Voi eravate in due cavolo, tutta un'altra cosa ;)

      beh, finitelo, alla fine il film è quello ma anche solo per rispetto al film lo finirete ;)

      Elimina
  4. Sì, sì, lo finiamo sicuro. Magari di pomeriggio, non proprio prima di andare a dormire. ;-)

    RispondiElimina
  5. Allora, finito di vedere ieri sera. Con molta fatica perché 'sto film è tutto una tensione continua, non ci si può rilassare un attimo. Alla fine un po' ripetitivo, ma confermo il mio giudizio: ottima atmosfera, una sua originalità pur all'interno di sottogeneri già ampiamente collaudati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!

      finora avevo solo due riscontri

      la sua media, ovunque bassa e un amico su fb che ne ha parlato malissimo

      io, al solito, mi sono fregato dei rumors, ho raccontato la mia esperienza e, cavolo, con me ha funzionato

      e anche con voi, anzi, con voi pure peggio ;)

      Elimina
    2. ahhahaah con noi ha funzionato alla grande. :-D

      Ma sì, bisogna sempre guardare i film che ci ispirano, senza dar retta alle recensioni negative.

      Invece, a proposito di serie su Netflix, ti consiglio "3%".

      Elimina
    3. Ah, ma io lo stesso, sempre pensato solo con la mia testa

      guarda, praticamente non vedo serie

      ma proprio la sera che ho trovato Die Prasenz mi sono divertito a girare su netflix per trovarne una al caso mio (per soggetto e numero limitato di episodi)

      beh, avevo "scelto" quella ;)

      ora che poi la veda o no non lo so, ma è una coincidenza

      Elimina
  6. Bravissimo!!!
    Grazie per le post!!!
    baccio molto grande! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bacccccccciiiiiiioooooooooooo anche a te!!!!!

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao