2.4.14

BuioDoc (N°8): recensione "L'Impostore"

Risultati immagini per the imposter

Notevolissimo.
L'Impostore è un documentario talmente affascinante e sorprendente nel suo incedere che non ha niente da invidiare a un film vero e proprio. In realtà qui siamo dalle parte del docu-drama, di quei documentari cioè, dove insieme ad estratti reali (interviste, filmati etc..) si ricostruiscono cinematograficamente alcune vicende.
Io non riesco a trovargli un difetto sinceramente.
Nicholas Barclay scompare a 13 anni in Texas.
Dopo quasi 4 anni viene ritrovato in Spagna.
Sì, ma è molto più grande di corporatura, capelli scuri anzichè biondi, occhi neri come la pece invece che azzurri, parla inglese con un accento stranissimo. Ma la famiglia lo riconosce lo stesso, è lui.
Storia verissima, incredibile, tremendamente affascinante e a tratti disturbante.
Sin da subito sappiamo che quel ragazzino è un impostore, scelta narrativa coraggiosa e molto "leale" da parte del regista.
Il ragazzo si finge americano, viene portato in una casa famiglia, non apre mai bocca finchè impaurito di venir schedato decide di telefonare negli Stati Uniti in vari uffici di bambini scomparsi e in una sola notte riesce nell'incredibile impresa di acquisire una falsa identità.
E' Nicholas Barclay, e domani sua sorella verrà a prenderlo in Spagna.
Il ragazzo ha in mano la vera immagine di Nicholas e allora si tinge biondo, fa un tatuaggio simile a quello del bambino scomparso, fa di tutto per riuscire nel miracolo di scamparla. Ma è troppo diverso, troppo.
La sorella arriva, lo abbraccia, piange.
Nicholas può tornare dalla famiglia in Texas.
Incredibile.

Risultati immagini per the imposter

Il ragazzo racconta che tutti i cambiamenti che ha avuto, tutte le cose che non ricorda del passato, tutto è dovuto alle tremende sevizie, agli esperimenti umani (ad esempio sull'iride degli occhi) e quant'altro che una specie di "setta" di pedofili ha perpetrato nei suoi confronti e di altri ragazzi.
Gli credono tutti, finisce addirittura nei tg.
Può il dolore di una perdita, può la mancanza di una persona cara portarti a credere tutto questo? Quanto abbiamo bisogno di colmare quel vuoto con qualcosa? Quanto purchè di non accettare l'inevitabile siamo disposti a credere nell'improbabile?
Forse sono un pazzo ma mi viene da accostare L'Impostore ad uno dei film più belli che ho visto recentemente, Alpis.
Là una società di attori si metteva a disposizione delle famiglie colpite da un lutto per interpretare il ruolo del defunto. Qua, anche se in maniera del tutto diversa, avviene praticamente lo stesso. Sembrano argomenti surreali ma in realtà sono delicatissimi. Molti si affidano alla religione, altri al vizio, altri ai cartomanti, e c'è anche chi può colmare il proprio vuoto con una presenza sì falsa ma reale, esistente.
E così quel ragazzo diventa una specie di capro espiatorio al contrario, dove uno cioè, il capro, è il simbolo di una condanna, di una colpa, è il responsabile che paga per tutti, qui quel ragazzo diventa il simbolo di una speranza, di una gioia, di qualcosa che si rimette a posto. Entrambi sono "falsi", ma entrambi servono alla "comunità" per motivi opposti.
La vicenda va avanti, polizia, fbi, assistenti sociali, investigatori privati, si vive un'atmosfera simile ad Argo, riuscitissima,anche perchè la parte fiction è girata benissimo. Sono soprattutto i veri filmati però, quello di lui che arriva in aereoporto con la sorella, i tg, l'intervista, a mettere i brividi.

Immagine correlata

E quel fratello maggiore (del vero Nicholas ovviamente) che viene solo un giorno a trovarlo, lo guarda e gli dice "buona fortuna" sapendo benissimo che non è lui è un racconto breve ma straordinariamente inquietante.
Eppure è tutto lì davanti, è troppo diverso, è troppo strano il suo passato.
Mi viene in mente la parabola del dito e la luna. Solo che qui non solo non si vede la luna e ci si limita ad osservare il dito, ma non si capisce nemmeno che quello è un dito, non so come spiegarmi.
E poi avviene la svolta thriller, magnifica, che forse dà una spiegazione al tutto
SPOILER
Come avevo fatto a non pensarci?
Eppure era troppo assurdo che una famiglia potesse cadere in un trabocchetto così grande.
E se invece non si voleva colmare un vuoto esistenziale ma nascondere qualcosa?
Se quel ragazzo era una manna dal cielo per rimpiazzare qualcuno sparito e sul quale non era meglio indagare?
A questo punto la tematica del caso e del destino diventa primaria. Quel ragazzo impostore su tutte le centinaia di identità che poteva prendere forse ha trovato proprio quella che faceva comodo alla famiglia, quella che li avrebbe coperti.
In un montaggio serrato inizia a venir fuori questa ipotesi mentre finalmente la polizia riesce a risalire alla vera identità dell'impostore.
E' francese, ha 23 anni e non 16 e ha fatto la stessa cosa già centinaia di volte prima.
Brividi.

Risultati immagini per the imposter

Si chiama Frederic Bourdin e la sua figura nel finale acquista una pericolosissima ambivalenza. Perchè criminale lo è di certo ma in realtà rappresenta soltanto la storia di un bambino/ragazzo mai amato e senza una vera identità che cerca continuamente altre identità, cerca affetto, cerca amore. E fa "solo" questo, senza direttamente far male a nessuno (il suo sogno è stare in case famiglia).
Il documentario diventa un thriller a cui non sarà mai data (forse) una risposta definitiva.
E alla fine si resta impietriti ma anche affascinati, quasi divertiti di questa farsa.
E di questi incredibile personaggio.

( voto 8)


16 commenti:

  1. Volevo vederlo, ma in città è passato solo per una sera e non ci sono riuscita. Spero di riuscire a recuperarlo comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho recuperato nel solito cinemino miracoloso qui di Perugia.
      Ci vado sempre solo, mi avranno preso per scemo, che poi porto sempre il mio taccuino.
      Ma se continuano a programmare così non si libereranno di me.

      Molto bello, assurdo.

      Elimina
  2. con i documentari parto sempre un pelo diffidente, però so già che questo mi piacerà...

    RispondiElimina
  3. io lo recuperai in lingua originale e come al solito mi specchio in quello che dici...che te lo dico affa'!!!! http://bradipofilms.blogspot.it/search?q=the+imposter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che sega che sei, mai una volta prima io.
      Vengo.

      Elimina
  4. che bel documentario. questo si' che e' con la D maiuscola. ma anche con la Q e la Y a dirla tutta. cosi' si racconta una storia, vera o finta che sia. dovrebbero prendere spunto da questa piccola perla tanti registi molto piu' acclamati. e' un'ottima scrittura, riprese bellissime, e soprattutto ho amato come si fondevano nel montaggio i personaggi veri agli attori, e a loro stessi nelle vecchie riprese. una storia poi che e' interessantissima di suo, raccontata in maniera sublime. davvero una sopresa per me aver gradito e soprattutto seguito cosi' un documentario. ottimo, l'ho visto appea ho letto le prime righe della tua recensione, e il soggetto mi ha subito preso, quindi l'ho visto all'istante. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ancora mi rimbalza in testa, come ho scritto nella rece non riesco a trovarci difetti.

      C'è una piccola cosa che ho amato da morire de sto Doc, quando a volte mentre parlava qualche intervistato si vedeva la faccia dell'altro, ad esempio molte volte mente parla la sorella di Nicolas sopra queste parole si vede lui che sorride in primo piano, beffardo o quasi imbarazzato, non so come spiegarmi ma c'è questo uso del suo viso con le voci degli altri in sottofondo che è quasi ipnotico, scelta sensazionale.
      E poi la storia viene fuori piano piano, noi sappiamo che lui è un impostore ma non sappiamo chi è, da dove viene, che ha fatto prima fino alle fine, e poi quel dubbio che lui stesso mette e che sembra così plausibile.
      Davvero un gioiello.
      Grazie a te di esseri fidato e aver gradito.

      Elimina
  5. Dove posso prendere questo documentario???????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non so se è un caso o hai fatto apposta ma è in prima tv proprio domani sera!

      se hai sky è sul canale 118, Ci sarà domani sera ma poi avrà numerosissime repliche

      Altrimenti vai con lo streaming

      questo è ottimo

      http://filmstream.me/index.php/?s=the+imposter

      ciao!

      Elimina
  6. Daveroooo non lo sapevo perche' uso skj solo per cinema lo guardo subito grazie amico ciao

    RispondiElimina
  7. Bellissimo documentario ma io mi chiedo come si fa a lasciare libero un individuo del genere dopo quello che ha fatto e che a continuato a fare!!!! Poveri figli chiuderlo in galera e buttare via la chiave!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, ma sei sempre te che me lo chiedevi sopra?
      In realtà ne ha fatte parecchie ma tranne in rarissimi casi non ha fatto male a nessuno, è solo una vittima di sè stesso.
      Per me è un grande, mi fa molto più paura la famiglia di quel ragazzo...

      Elimina
  8. Abbiamo idee differenti a dire che e' un grande!!!! Forse si e una grande merda che prende in giro famiglie che soffrono x il proprio caro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che ti sbagli...
      Le altre volte lui ha semplicemente preso altre identit, senza far male a nessuno.
      Certo, causa qualche problema ma è lui la prima vittima di sè stesso.
      Nel caso specifico del doc sono proprio i familiari del ragazzo scomparso i veri criminali, non lui

      un saluto!

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao