28.7.11

Recensione: "Il Bosco fuori"

Immagine correlata

presenti spoiler

Dopo lo splendido film di Alemà, spinto da una rinnovata euforia ultranazionalista decido di vedermi un horror low budget made in Italy che a differenza di At the end of the day non è stato praticamente distribuito. Parlo di "Radice quadrata di 3" ma, senza sottotitoli, avrei forse avuto meno difficoltà con l'aramaico rispetto al dialetto friulano. Interrompo dopo 7 minuti. Mi butto allora, per restare nel range che mi ero prefissato, ne Il Bosco fuori di Gabriele Albanesi.

E anche stavolta rimango colpito molto favorevolmente.

Film la cui analisi è un continuo paradosso.

E' una scopiazzatura e citazione di mille altri (su tutti Non aprite quella porta con la famiglia di pazzi, la motosega, la roulotte e la cena) ma al contempo ha uno dei suoi punti di forza proprio nell'originalità delll' assemblaggio.Credo addirittura che se fosse più conosciuto potrebbe anche interessare gli americani per un remake.

Risultati immagini per il bosco fuori scene film

Ha un uso delle luci pessimo (tanto da incorrere in errori di notte/giorno madornali) ma ha un paio di sequenze meravigliosamente fotografate come la fuga della ragazza al buio nella strada bianca.

Ha personaggi allucinanti, assurdi, pacchiani e assolutamente inverosimili come il trio di coattoni romani o i due fratelli handicappati acquisiti, ma proprio in tali personaggi Il Bosco fuori racchiude la sua particolare "magia".

Offre una recitazione a tratti imbarazzante (per esempio nella pseudo professionista Rocchetti) ma in alcuni casi talmente buona (vedi il padre) da farci dimenticare l'amatorialità del tutto.

Regala momenti di (in)volontaria comicità (vedi la battuta del coatto post-sbudellamento o lo scoppio del mega-bubbone) ma ha la forza di mantenere un fondo di serietà davvero notevole. E' tutt'altro che una commedia horror a dir la verità.

Spinge moltissimo sul grottesco, sullo splatter, sull'esagerazione ma di fondo (di fondo proprio, nessuna pretesa autoriale) tratta argomenti delicati e importanti come quello del diverso, dell'amore cieco per il proprio figlio, della violenza come divertissement e della scoperta di sè. A questo proposito mi è piaciuto moltissimo il personaggio di Giulio, un bimbo sì diverso, ma tutt'altro che mostro, che con ingenuità e innocenza inizia a conoscere e convivere con la propria natura. Per restare a visioni recenti c'è qualcosa di The Hamiltons in tutto questo.

Risultati immagini per il bosco fuori scene film

In definitiva un buon prodotto che trasuda passione scena dopo scena. Albanesi ha coraggio e, a proprio rischio e pericolo, non tira mai il freno e arriva fino in fondo in ogni aspetto o situazione che propone, sia grottesca che più seria. Come detto non mancano, anzi abbondano, errori tecnici e di scrittura (la ragazza che alla fine invece di fuggire, va in cantina...) ma c'è la netta sensazione che non si poteva far meglio, che si sia raggiunto il 100% dei risultati che mezzi e storia potevano garantire.

Gli effetti, avendo Stivaletti in troupe, non potevano che esser buoni, a parte quello finale bimbo mutilato, con un corpo evidentemente finto messo davanti a sè. Il massacro finale che ci troviamo in casa però è da Serie A del genere.

Bravo Albanesi, speriamo che anche lui approfitti di quest'aria nuova che si inizia a respirare e venga aiutato in un lavoro futuro.


(voto 7)


11 commenti:

  1. Lo vidi anni fa, e mi colpì, nonostante i numerosi limiti, la voglia di sperimentare un certo tipo di horror come da tempo non si vedeva in Italia.
    Ti consiglio, in questo senso, anche Radice quadrata di tre.

    RispondiElimina
  2. Ma dicevi che già lo stavano a fa il remake?

    RispondiElimina
  3. *james: mi sa che della recensione hai letto solo il titolo però, altrimenti la tua proposta non l'avresti fatta :)

    *john: no, è stato distribuito in Usa, ma non remekkato. A curar la distribuzione c'ha pensato addirittura Raimi intitolandolo The last house in the wood (infatti se ti ricordi era quello il sottotitolo).

    Ha avuto poi un successo strepitoso in Giappone, addirittura decimo!! dvd più venduto di quell'anno.

    RispondiElimina
  4. Anche io lo ricordo con piacere! Avevo sentito dire che Stivaletti oltre ad occuparsi degli sfx, aveva dato anche una mano qui e una là a livello generale. Comunque di Albanesi ne ha fatto un altro di recente sempre sullo stesso tono (credo).

    RispondiElimina
  5. mi sono divertito tantissimo con questo film :)
    alterna dei momenti incredibili ad altri davvero imbarazzanti, però aveva ritmo e sono rimasto fino alla fine con piacere.
    io sono convinto che Albanesi, con il budget giusto, ha la stoffa per tirare fuori film interessanti, che diano una scossa all'ambiente.

    comunque, d'accordissimo con te: Radice quadrata di Tre non me lo sono goduto per niente nemmeno io col fatto del dialetto furlan (si scriverà così?).

    RispondiElimina
  6. Dae, ma sai che ho dovuto rileggere il post tre volte anche ora prima di vedere il riferimento a Radice quadrata di tre!?!?
    Il caldo mi ha dato alla testa, evidentemente. O forse l'età comincia a farsi sentire! ;)
    Ad ogni modo, non hai la versione sottotitolata? Perchè effettivamente il friulano è praticamente incomprensibile!

    RispondiElimina
  7. Era: sì, in effetti ieri mi è sembrato di scorgere Stivaletti più volte nei credits. Credo che sia addirittura uno dei produttori.

    Einzige: d'accordo con te su tutto.
    Te l'hai finito senza sottotitoli? Complimenti!

    James: capisco l'età, ho gli stessi problemi tuoi. Vediamo che si può fare per i sottotitoli, mi piacerebbe vederlo perchè la trama mi intriga. Comunque a detta di miei amici "esperti" il migliore dei giovani è Zuccon.

    RispondiElimina
  8. vi faccio una traduzione in simultanea!
    (non è vero, son brocca con il friulano...)
    e cmq non l'ho visto. io lidris non lo riesco a trovare...

    RispondiElimina
  9. come non detto. l'ho trovato :-)

    RispondiElimina
  10. Mi piace Zuccon, ma preferisco Bianchini...e anche io ti consiglio Radice quadrata di tre, e di seguito tutti gli altri...in fila però: Radice quadrata, poi Custodies Bestiae, Film Sporco e l'ultimo Occhi

    dei primi due ho i dvd e fortunatamnete ci sono i sottotitoli

    RispondiElimina
  11. *Runes: terrò presenti i tuoi consigli. Sinceramente gli ultimi due non li avevo nemmeno mai sentiti.

    Quel "fortunatamente" parla da solo...

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao