21.10.10

Gli Abomini di serie Z (5): Recensione: "The Darkling"



In confronto alla fatica nel vedere The Darkling gli ultimi 200 metri di Dorando Pietri paiono come ruttare con una Coca Cola.

In confronto Sisifo non trasportava in cima al monte un masso (che poi ricadeva sempre) ma tagliava con un grissino il tonno Rio Mare.

La fatica. La fatica che si prova per arrivare in fondo a The Darkling è qualcosa di inimmaginabile. Un film senza alcun senso, penoso in tutti i suoi aspetti, inizialmente addirittura della durata di 2 ore!!!!! poi tagliati fortunatamente a 85' in dvd.
Non scherzo nell'affermare che è impossibile salvare anche un solo minutino di questo scempio.
Purtroppo la pellicola non fa neanche ridere come i (a questo punto compianti) vari SmileIl Bosco 1 e compagnia bella.
Murray Abraham... Cioè, questo ha vinto l'Oscar come miglior attore con Amadeus...
Forse per colpa dell'imbarazzante doppiaggio il suo personaggio risulta uno dei più insopportabili della Storia del Cinema.
Vi giuro che di non riuscire nemmeno a scrivere del film e della sua trama, sempre che ne abbia una, dato che durante la visione mi sono chiesto almeno 30 volte "ma che cosa vuole dire?" " Per Dio, ma come è possibile?" " Ma che senso ha?" per riportare solo il riportabile e non offese e maledizioni varie.

alla rinfusa:

- Morte della moglie che sale nel podio delle dipartite più assurde di sempre.

- Strade normali che improvvisamente diventano, più di una volta, piazzone da stuntman.

- Recitazione teatrale, tipo dialoghi mentre senza alcun motivo si gira intorno ad un automobile.

- Passaggi di sceneggiatura senza alcun nesso logico o causale, casuale sì però.

- Il Darkling, il bambino (che probabilmente dovrebbe rappresentare il Demonio) è un orrido bambolotto (vedi foto, nella quale peraltro  per un effetto di chiaroscuro sembra avere una zinna che in realtà non ha) chiuso dentro una gabbia. Parla, parla, parla, ma non si sa cosa dica.

- Finale che non ha ALCUN senso nè strettamente filmico (non si sa cosa succeda per immagini) nè di significato.

Non riesco neanche a trovar scene così comiche, soltanto chi lo guarderà potrà capire la pochezza e assurdità del tutto.
Non riesco ad avere ispirazione, basta.
Non voglio neanche sprecare più polpastrelli, chiudo.

( voto 1,5)

2 commenti:

  1. Apro la home e leggo:
    "The Darkling" VOTO 1,5!!!

    Di solito cerchi di trovare qualcosa di buono anche nelle schifezze più assurde, stavolta proprio non ce l'hai fatta caro mio.

    La tua recensione è talmente brutta che quasi mi ha incuriosito... :D ma mi fiderò del tuo giudizio e sfrutterò meglio le prossime due ore.

    Saluti.

    Drugo

    PS: Mi accingo a vedere "The Road" che invece a quanto vedo si è meritato (quasi) il massimo dei voti. Poi ti farò sapere. ;)

    RispondiElimina
  2. Carissimo, l'unica cosa che accomuna The Darkling a The Road è che si infilano entrambi nel lettore dvd. Spero che ti piaccia, a me ha lasciato dentro un vuoto così grande che, paradossalmente, lo considero una pienezza, un lascito.A presto!


    P.S: aspetto ancora le tue recensioni da pubblicare...

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao